Advertising

arabxx free xxx


Prima di tutto, ciao a tutti, il mio nome è Pınar. Ho letto alcune storie di sesso su questo sito per un po’, e mi sto divertendo a farlo anche io. Ma c’è un problema; Quando si leggono le storie di sesso un po ‘ troppo, si può facilmente capire che è falso e che è reale. Naturalmente, le storie di sesso non vere possono infastidire le persone. All’inizio volevo raccontare la mia storia, ma non è stato facile decidere e iniziare. Perché la mia storia di sesso non è una storia divertente come la tua.
Prima di tutto, lascia che ti parli di me, ho 22 anni ora, ma sono passati 4 anni da quello che sto per dire. A quel tempo ero nel mio ultimo anno di scuola superiore e avevo 18 anni. In generale, ero una ragazza alta rispetto alla media della classe. Ma ero molto più debole allora. Ho un corpo più in forma e in forma ora che faccio sport o qualcosa del genere. Ma allora, ero sempre una ragazza piuttosto magra, e il suo seno non era ancora completamente cresciuto, come una pelle d’oca. Ma il fatto che avessi i capelli castani e gli occhi verdi attirerebbe ancora l’attenzione degli uomini. Di solito era attratta da uomini più grandi di me.
Quando avevo 18 anni, ero una ragazza piuttosto ingenua e ignorante. Almeno quelli che leggono storie di sesso on-line, in particolare lo stupro sesso storiesI non era uno da leggere. La mia conoscenza della sessualità era solo quello che avrebbe dovuto essere. Sa solo che è un’attività tra un uomo e una donna, non avevo pensato a niente di più. Ad essere onesti, non avevo alcun entusiasmo o desiderio di imparare. Credo di essere solo una ragazza a bassa libido allora.
Comunque, so che è una lunga introduzione. Lasciate che inizi la storia ora. Quando avevo 18 anni, avevo un cugino che ha 7 anni più di me, quindi 25 anni. Era il bambino che era visto come il più amato e il più vagabondo della famiglia. Per qualche ragione, i vagabondi sono più amati dagli adulti. O quelli che sono più amati dagli anziani della famiglia diventano vagabondi, non lo so quale sia la ragione e quale sia il risultato. Ovviamente non importa. Sto parlando di mio cugino; Fratello Cemil era un uomo di media statura, dai capelli scuri, sempre con la barba trasandata, carismatico, muscoloso e sempre viziato. Francamente, è stato molto buono tra di noi. Mi piaceva uscire con lui. Era sempre un concentrato di pomodoro per le mie amiche.
In una soleggiata giornata di primavera, abbiamo deciso di andare a fare un picnic come una famiglia numerosa e allargata. La nostra famiglia, altre zie, mogli delle mie zie e tutti i cugini, ci siamo alzati presto la mattina perché abbiamo pensato che avremmo avuto un buon tempo insieme. Abbiamo avuto un programma come fare colazione prima, poi godendo di tè e caffè, barbecue e alcol nel pomeriggio. Noi giovani eravamo sempre occupati con attività come la creazione di altalene, giocare a palla, dormire su un’amaca. Dal momento che il fratello Cemil era metà adulto e metà bambino, era accanto agli adulti e uno a noi. Tranne Cemil, ero il più vecchio dei cugini.
Stavo cercando di giocare a dodgeball con i miei cugini piccoli quando abbiamo fatto colazione e abbiamo iniziato a disperdersi nella foresta. Fratello Cemil veniva e si univa di tanto in tanto, si annoiava velocemente e tornava indietro. Ogni tanto, ha perso la nostra palla e ha fatto correre tutti dietro di lui.
Quando tutto stava andando così bene, è successo qualcosa che mi ha rovinato tutta la giornata. C’era una tensione di lunga data tra mia madre e una delle mie zie, e questo si rifletteva naturalmente nell’umore di mia madre. Quando mia madre non poteva dire niente a nessuno, ha preso la sua rabbia su di me. Ha detto che ero una ragazza grande, che non ho aiutato con nulla, che ho giocato come un bambino, e si è arrabbiata e ha urlato. Anche mia madre si arrabbiava con me, ma questa volta, quando ha urlato in tono offensivo davanti a tutti, è stata dura per me. Ho provato a rispondere, ma è stato così difficile che mi sono seduto e ho iniziato a piangere. Tutti erano improvvisamente fuori di fortuna. Mia madre da sola è riuscita a sconvolgere tutti e a tendere l’atmosfera. Fratello Cemil ha detto che per ammorbidire un po ‘ l’atmosfera, facciamo una passeggiata con te.
Ho iniziato a camminare accanto al fratello Cemil con le lacrime agli occhi. Non ho idea di quanto tempo abbiamo camminato, ma eravamo abbastanza lontani. Siamo andati troppo lontano per un picnic dove nessuno poteva venire. Naturalmente, non c’era nessuno in giro. Dato che sono ancora lungo 5 pollici, il fratello di Cemil stava dicendo qualcosa per farmi sorridere, spingendomi, prendendomi in giro. Ad essere onesti, era riuscito a soddisfare il mio umore, ma continuavo ad essere scontroso. Perché non volevo digerire una cosa del genere così facilmente.
Il fratello Cemil non si arrese mai. Siamo arrivati alla riva di un posto come un lago camminando. All’improvviso, il fratello Cemil disse: “Se non hai una rosa, ti getterò nel lago.”Stavo ancora camminando senza mostrare un solo gesto. Il fratello Cemil mi prese tra le sue braccia senza alcuna difficoltà e mi portò sulla riva del lago. “Se non c’è rosa, giuro che la butterò via”, ha detto. Era la cosa peggiore da fare a una ragazza triste, spaventata e piangente. Mentre gridavo “lasciami andare, fratello, non riderò, lasciami andare”, lui disse” sai ” e improvvisamente lo lasciò cadere nel lago. L’acqua era così fredda che mi tolse il fiato. Credimi, se ho gridato o aspettato in silenzio, non ricordo nulla. Ricordo solo che ululavo come un matto. Jamil stava ridendo come un matto. Non ha fatto alcuno sforzo per salvarmi, né ha cercato di calmarmi. Poi, quando ho smesso di lottare, mi sono reso conto che l’acqua era solo fino al mio mento.
Quando camminai verso la riva, il fratello Cemil allungò la mano e mi tirò via. Piangevo e lo picchiavo. Stava ancora ridendo. Non gli importava il mio pianto, né rispondeva al mio colpire. Ha detto che sarai malato, togliti i vestiti. Nel momento in cui ha detto che, aveva già tolto. Mi ha afferrato la maglietta e se l’è tolta. L’ho afferrato quando mi ha messo la mano sui pantaloni. Stava ancora dicendo: “Stai per essere malato, non posso affrontare il tuo”. Mi ha anche tirato giù i pantaloni, anche se l’ho tenuto in braccio. In quel momento, mi sono reso conto che ero rimasto bagnato con mutandine e un reggiseno di fronte al fratello Cemil. Stavo tremando allo stesso tempo, avendo difficoltà a mantenere il mio mento costante. Si tolse il cardigan, mi avvolse e mi abbracciò per riscaldarmi. Siamo rimasti così per un po’, e ad essere onesti, mi ha davvero riscaldato. Ma in quel momento ho capito che c’era una mano tra le mie gambe. La mano di Cemil era proprio sulla mia femminilità e stava cercando di accarezzarla con molta leggerezza. Ha continuato ad abbracciarmi anche se ho detto “Voglio andare”. Quando ho cercato di scappare, mi ha abbracciato più stretto e lo ha appoggiato a terra.
Fratello Cemil è venuto tra le mie gambe con alcune semplici mosse su di me. Mi ha piegato le mani sopra la testa e mi ha afferrato entrambi i polsi con una mano. Con l’altra mano, ha decompresso i pantaloni e tirato fuori il suo cazzo. E ‘ stato allora che ho pianto, lei. Mi coprì la bocca con la sua e premette così forte che non riuscivo nemmeno a muovere la testa. Era così professionale in questo lavoro che ha bloccato tutti i modi in cui potevo resistere. Presto ha ottenuto il suo cazzo dentro di me, troppo. Mi sentivo come se qualcosa mi fosse stato strappato via. In poco tempo, si svuotò in me, tremando. Era tutto finito quando mi ha rilasciato.
Piangendo, mi sono subito messo i miei vestiti bagnati e ho iniziato a correre verso da dove venivamo. Non ricordo fino a che punto ho corso o quanto ho pianto. Quando ho visto mio padre, mi sono messo di fronte a lui e ho iniziato a piangere ancora di più. Non ricordo cosa sia successo dopo. Quando ho aperto gli occhi, mio padre mi ha detto: “Va tutto bene, figlia mia, sei caduta nel lago ed eri molto spaventata, quindi sei svenuta”. Neanche io ho detto niente a nessuno. Questa è l’unica vera storia di stupro che abbia mai avuto. Sono stato con altre persone in seguito, ma non erano abbastanza interessanti da raccontare come una storia di sesso . Buona giornata a voi stupro sesso storie amanti. Ho letto con interesse quello che hai scritto.

Already have an account? Log In


Signup

Forgot Password

Log In